12 brani, 47 minuti

NOTE DELLA REDAZIONE

Ritorno discografico ma anche conferma di una ritrovata intesa, il settimo lavoro dei Negramaro è una matura e consapevole combinazione di rock, elettronica e scrittura di trama cantautorale. Mentre i testi mescolano in filigrana i segni di una crisi superata, ‘La chiave, le virtù e l’arroganza’ gioca tra consonanze e chitarre frenetiche, introducendo elementi sviluppati nel gusto agrodolce di ‘La prima volta’ e nel nervosismo della traccia che la segue. L’arrangiamento d’archi e le parole di ‘Ci sto pensando da un po’’ chiudono poi emblematicamente l’album sotto l’auspicio di un nuovo inizio.

NOTE DELLA REDAZIONE

Ritorno discografico ma anche conferma di una ritrovata intesa, il settimo lavoro dei Negramaro è una matura e consapevole combinazione di rock, elettronica e scrittura di trama cantautorale. Mentre i testi mescolano in filigrana i segni di una crisi superata, ‘La chiave, le virtù e l’arroganza’ gioca tra consonanze e chitarre frenetiche, introducendo elementi sviluppati nel gusto agrodolce di ‘La prima volta’ e nel nervosismo della traccia che la segue. L’arrangiamento d’archi e le parole di ‘Ci sto pensando da un po’’ chiudono poi emblematicamente l’album sotto l’auspicio di un nuovo inizio.

TITOLO DURATA

Altri brani di Negramaro