Blur

Band britannica capitanata da Damon Albarn e Graham Coxon, sono stati tra i maggiori esponenti del cosiddetto movimento “britpop”, che ha avuto grande successo nella prima parte degli anni novanta. Iniziano la loro discografia nel 1991 con l’album “Leisure”, che ha un discreto successo. Ma e’ con il loro secondo disco, “Modern life is rubbish”, contenente i singoli “For Tomorrow”, “Chemical world” e “Sunday Sunday” che la band inizia a scalare le classifiche. La consacrazione definitiva arriva con “Parklife” del 1994, ritenuto una pietra miliare del genere britpop, prodotto da Stephen Street, che contiene oltre al singolo omonimo, brani come “Girls & boys” , “End of a century”, “To the end”. Dopo “The great escape” del 1995, la band inizia un nuovo corso, caratterizzato da sonorita’ piu’ rock/alternative, e pubblica “Blur” , nel 1997, con il quale il gruppo inizia ad avere successo anche negli Stati Uniti. Con “13” del 1999, il gruppo collabora con William Orbit (Madonna) e il sound si fa piu’ elettronico e sperimentale, collaborazione che prosegue anche nel successivo “Think tank” del 2003, insieme a Norman Cook (aka Fatboy Slim) e Ben Hillier (Natalie Imbruglia). Dopo alcuni anni di pausa, durante i quali Albarn da’ vita ai Gorillaz, dal 2008 la band si riunisce per alcuni concerti, e dopo la pubblicazione di una raccolta e del singolo “Fool’s day” , ecco che nel febbraio 2015 arriva il loro nuovo recentissimo album, “The magic whip”, anticipato dal singolo “Go out”.

  • ORIGINI
    Colchester, England
  • GENERE
    Rock
  • FORMAZIONE
    1989

Top singoli

Ultima uscita

Top Videoclip

Top Film

Top libri