iTunes

Apertura di iTunes Store.Se iTunes non si apre, fai clic sull'icona dell'applicazione iTunes nel Dock o sul desktop di Windows.Progress Indicator
Apertura di iBooks Store in corsoSe iBooks non si apre, clicca sull'app iBooks nel Dock.Progress Indicator
iTunes

iTunes is the world's easiest way to organize and add to your digital media collection.

Non abbiamo trovato iTunes sul tuo computer. Per iscriverti e scaricare Senza rossetto nella cabina elettorale di Querty, installa iTunes.

Hai già iTunes? Fai clic su Anche io ho iTunes! per aprirlo.

I Have iTunes Download gratuito

Senza rossetto nella cabina elettorale

By Querty

Per ascoltare un podcast audio, passa il mouse sul titolo e clicca su Play. Apri iTunes per iscriverti e scaricare i podcast.

Descrizione

Un progetto di Giulia Cuter e Giulia Perona In occasione del 70esimo anniversario dal primo voto politico delle donne italiane, il 2 giugno 1946, è nato Senza rossetto, un podcast radiofonico che vuole raccontare la figura femminile ieri e oggi. Ogni puntata affronta un tema legato alle convenzioni che la società attribuisce all’universo femminile, attraverso la penna e la voce di una scrittrice contemporanea.

Recensioni clienti

In attesa delle nuove puntate...

Il racconto di Violetta Bellocchio è breve e coinvolgente; parla del coinvolgimento delle donne in politica e non solo nel '46. Luisa è un personaggio vero (si capisce che Bellocchio - che legge davvero bene - parla di sua nonna) e la sua storia ha un significato profondo proprio perché è quella di una donna normale, che lavora, ha una famiglia e pensa che a tavola non si parli di politica: questo non le impedisce di avere delle idee e voler dire la sua quando è importante.
Giulia e Giulia sono alla loro prima esperienza come conduttrici di podcast, ma sono già bravissime e professionali.

Storia

Bello, davvero bello

Un podcast sulle donne, dalle donne ma non solo per le donne

Sono un ascoltatore dei podcast Querty della prima ora e ho ascoltato tutto ciò che è stato prodotto (e sarà) prodotto dai loro microfoni. Sono professionisti e ogni loro nuova avventura si traduce in qualcosa di qualità: Senza Rossetto non fa eccezzione. Nato per celebrare i settant'anni del voto alle donne (e già quella prima stagione sarebbe bastata per essere ricordata) in questa nuova veste "Senza Rossetto" si trasforma, ma non troppo, per offrire varie storie di donne. Donne che si spogliano della loro immagine stereotipata (sensa rossetto, appunto), e che gridano a bassa voce il loro ruolo nella società e nell'esistenza. Ruolo che vuole essere femminile senza però essere "femmina", vista come l'altro dal "maschio". Bello Bello Bello. Bisognerebbe farlo ascoltare, discuterne parlarne.
Fatelo ascoltare a tutti e atutte, createne CD, distribuitelo.