iTunes

Opening the iTunes Store.If iTunes doesn't open, click the iTunes application icon in your Dock or on your Windows desktop.Progress Indicator
Opening the iBooks Store.If iBooks doesn't open, click the iBooks app in your Dock.Progress Indicator
iTunes

iTunes is the world's easiest way to organize and add to your digital media collection.

We are unable to find iTunes on your computer. To download from the iTunes Store, get iTunes now.

Already have iTunes? Click I Have iTunes to open it now.

I Have iTunes Free Download

Orlando Furioso

This book can be downloaded and read in iBooks on your Mac or iOS device.

Description

L'edizione dell'opera presentata all'interno della nostra biblioteca è la terza, quella definitiva in 46 canti del 1532, ed è tratta dall'edizione cartacea Garzanti, Milano, 1992 (XIII edizione). L'opera prende le mosse dall'Orlando innamorato del Boiardo; "le donne, i cavalieri l'arme, gli amori, le cortesie, l'audaci imprese" sono descritti magistralmente dal poeta con toni sfumati e ironici.

Quando Ariosto si accinse a scrivere l'Orlando Furioso, la fama del paladino fedele a Carlo Magno era oramai più che consacrata grazie alla diffusione, attraverso i secoli, dei tanti rifacimenti del poema epico (d'autore ignoto ma messo per iscritto da un certo Turoldo) noto sotto il nome di Chanson de Roland.

Questo poema, nato attorno al 1100, aveva cantato le gloriose gesta dei paladini francesi alle prese con i mori, rifacendosi ad un episodio della storia di Carlo Magno assai oscuro e secondario: l'assalto miseramente fallito dei Cristiani decisi ad espugnare Saragozza. La chanson, per essere esatti, canta di come, durante la ritirata, la retroguardia dell'esercito francese venne attaccata a sorpresa e sconfitta dagli Arabi a causa del vile tradimento di Gano di Maganza. Al centro della vicenda la coraggiosa e commovente morte di Roland che, pur tentando di combattere sino allo stremo delle forze, soccombe, suonando in punto di morte l'olifante per chiamare in soccorso il suo sovrano.

Probabilmente il poema fu soltanto un'operazione di trascrizione, attraverso la disciplina poetica, di una tradizione già affermatasi con i giullari, i quali vagando di gente in gente e di corte in corte, oralmente narravano la leggenda di Carlo Magno ed i suoi paladini, appassionando a tal punto il pubblico da trovare in seguito adesione anche in Spagna e in Italia. Assistiamo addirittura alla proliferazione di una letteratura "franco-veneta" che traduceva i vari cicli di gesta francesi apportandovi nuove vicende e variando quelle già note.

Tante le varianti che seguiranno, ma inalterati restano i tratti inconfondibili di Rolando/Orlando, ovvero una decisa fedeltà ai valori della fede cristiana e obbedienza al sovrano. Rolando è un personaggio austero, al di là d'ogni debolezza umana, coraggioso e leale nei confronti dei valori codificati dalla cavalleria.

In seguito, però, la materia del ciclo carolingio subirà la contaminazione del ciclo di bretagna, dove assoluti protagonisti sono le figure di re Artù e i cavalieri della tavola rotonda, mago Merlino, e gli amori tormentati di Isotta e di Ginevra. Nel bretone è assegnata preminenza assoluta all'elemento magico e amoroso, e se la serietà ai valori di patria e fede cristiana avevano conquistato soprattutto il popolo, il ciclo arturiano invece non mancherà di fare breccia soprattutto nelle corti nobiliari e nel cuore delle dame.

Come accennato, questi cicli erano stati il frutto di una coscienza culturale collettiva. Sarà solo nel rinascimento italiano che potremo assistere all'appropriamento da parte degli ambienti colti di tali produzioni popolari (sia della carlolingia che della bretone) e alla trasformazione di queste ancor ingenue produzioni in opere di vera e propria letteratura, organicamente dipendenti da un unico e identificabile autore.

Se a Firenze Pulci riprende in chiave divertita e caricaturale le storie di Orlando e Rinaldo, al contrario alla corte estense di Ferrara, il poeta di corte Matteo Maria Boiardo si volgerà alle gesta cavalleresche con spirito fortemente nostalgico, nell'impossibile desiderio di riattualizzare quegli ideali ormai tramontati. Per la prima volta con Boiardo, assistiamo al congiungimento tutto umanistico del filone epico e cavalleresco all'elemento classico e pagano.

Se la novità di Boiardo era consistita nell'aver prodotto una grande trasformazione dell'immagine dell'austero Orlando ponendola alle prese con la passione amorosa, un altro e più abile

Orlando Furioso
View in iTunes
  • $0.99
  • Available on iPhone, iPad, iPod touch, and Mac.
  • Category: Classics
  • Published: May 25, 1996
  • Publisher: E-text
  • Seller: StreetLib Srl
  • Print Length: 1139 Pages
  • Language: Italian
  • Requirements: To view this book, you must have an iOS device with iBooks 1.3.1 or later and iOS 4.3.3 or later, or a Mac with iBooks 1.0 or later and OS X 10.9 or later.

Customer Ratings

We have not received enough ratings to display an average for this book.